lunedì 24 ottobre 2011

I SASSOLINI A COLORI: CHIAMA IL DIRITTO RISPONDE IL DOVERE

Anna Sarfatti, Serena Riglietti
Mondadori, 2009, 62 p.
Illustrato
Età di lettura: Scuola primaria secondo ciclo

"Lei è cinese, e io italiano
 tu sei cattolica, lui musulmano.
Scarpette lucide o lacci sciolti,
a tutti il diritto di essere accolti"

In seguito all'esperienza condotta con una classe quinta di una scuola primaria sul tema dei diritti e dei doveri, dalla lettura della convenzione Onu sui diritti per l'infanzia alla conoscenza dei primi dodici articoli della costituzione italiana, Anna Sarfatti, scrittrice e insegnante, sviluppa l'esperienza intrapresa con i bambini in questo libricino, partendo proprio dalla carta dei diritti da loro redatta: per ogni enunciato una filastrocca ne esplicita il contenuto proponendo accanto ad ogni diritto il rispettivo dovere, sottolineandone così la complementarità.
Come segnala l'autrice, "Chiama il diritto, risponde il dovere" si configura come un'occasione utile per aumentare nei bambini la consapevolezza rispetto alle loro capacità relazionali ma soprattutto per rafforzarne l'identità e costruire insieme a loro il senso di responsabilità, il valore della solidarietà, del rispetto reciproco, della partecipazione ad un gruppo. Acquisire consapevolezza di fronte a diritti e doveri significa anche abbattere le resistenze nei confronti "dell'altro"  demolendo pregiudizi e luoghi comuni, gettando le basi che consentiranno ai bambini di poter compiere anche il passo sucessivo, quello che cosentirà loro, futuri adulti di domani, di apprezzare l'unicità che contraddistingue ogni individuo ("uguali ma diversi!"), partendo proprio da quei diritti enenuciati dai bambini stessi, che tanto hanno ispirato la loro insegnante. Alla fine del volume la versione semplificata della convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.

Nessun commento:

Posta un commento

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è pertanto da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001